Libri

» “Storie della Buonanotte per Bambine Ribelli”

Prima di iniziare con le mie riflessioni su quello che ritengo un libro bellissimo che tutti dovrebbero avere nelle proprie librerie, vi invito – se vi va – a seguirmi sui miei canali social. In realtà li trovate anche sulla barra a destra di questo blog, ma anche nella mia presentazione.

Da pochi giorni, però, ho deciso di aprire un secondo account Instagram, il social che uso maggiormente e che quindi mi permetterà di essere più attiva (purtroppo per il blog ho poco tempo e modo, ma torno sempre!) e di condividere con voi tutte le mie letture e i sogni che rendono la vita meno amara. Mi trovate qui: @M.Sognatrice ! Io vi aspetto, ma anche sulla pagina facebook e sul mio twitter!

Ma ora passiamo al libro!
Sicuramente rispetto ad altri arrivo – come al solito – tardi. Però ve ne devo parlare, assolutamente! Io ve lo stra-consiglio. Non solo per i vostri bambini (sì, perché non farlo leggere anche ai maschietti per educarli al meglio al rispetto delle donne fin da piccoli?), ma anche per gli adulti.
Personalmente l’ho acquistato per fare un regalo alla luce della mia vita: la mia nipotina! È la persona che amo di più e per la quale farei di tutto – o quasi! -. Una bambina adorabile e intelligente alla quale auguro di credere sempre con forza ai suoi sogni, perché – come insegnano anche le storie vere di questo libro – se vuoi davvero qualcosa, la puoi ottenere! Basta essere determinati, crederci davvero, non permettere a nessuno di tarparvi le ali e la vostra libertà, e soprattutto essere sempre curiosi.

 

 

bimberibelli

 

 

 

Alle bambine ribelli di tutto il mondo:

sognate più in grande,
puntate più in alto,
lottate con più energia.
E nel dubbio ricordate:
avete ragione voi.

 

 

Continue reading “» “Storie della Buonanotte per Bambine Ribelli””

Riflessioni

» Una valigia ricca di sogni che tornerò a riempire e condividere. Promesso!

 

19657373_10213445867770519_3817873678901777242_n
Foto di mia proprietà.

 

Quasi due mesi in cui non scrivo qui.
Eppure la mia valigia di sogni è stata pienissima. Tante cose da raccontare, molte letture ed eventi di cui parlare.
Ma non ho avuto il tempo né l’ispirazione giusta. E i giorni sono passati, uno dietro l’altro, scorrendo troppo rapidamente. A volte vorrei riuscire a bloccare il tempo e a fare il pieno di energie per raggiungere tutti i miei obiettivi e non lasciare indietro nulla.
Lo so. Molta gente che apre un blog lo aggiorna in maniera assidua. Io, invece, tendo a perdermi. Forse perché se non ho il mio amato silenzio e l’ispirazione giusta, non riesco a scrivere e se mi sforzo so già che andrò a rileggere qualcosa che non mi piace, che non è in linea con i miei pensieri e il mio stile.
Per questo preferisco prendere tempo e trovare l’occasione giusta. E poi tornare qui, in questo angolo virtuale che è un po’ come la mia casa. Il mio diario di viaggio ed emozioni in cui riverso parole e pensieri.

Dove sono finita?

Mi sono buttata nella mia vita. Mi sono messa in gioco e ho fotografato, tanto. E ancora oggi non ho concluso. Ho ancora diverse foto da sistemare, a cui dare la forma precisa delle mie emozioni. Ne ho ancora altre da fare, anche se l’ansia è molta. Perché in ogni cosa che faccio ci metto tutto il cuore, l’impegno e l’anima stessa. 
E il problema è che non sono mai del tutto soddisfatta.
Però ho ascoltato, proprio ieri, delle parole di un grande fotografo italiano che mi hanno fatto sorridere. Non le ricordo in maniera precisa, ma il succo del discorso è che se non ti senti soddisfatta del tuo lavoro, ma anzi pensi di dover e voler sempre migliorare, significa che sei sulla strada giusta per diventare un buon fotografo. O forse lo sei già. 
Okay, io ancora in verità non mi ci sento. Ho così tanta strada da fare ancora. Tecniche da imparare. Ho ancora così tanti errori da correggere, però non posso non ammettere che sono migliorata e che ricevere molti complimenti fa davvero bene al cuore. Un balsamo importante per la mia anima confusa e insicura.
Continue reading “» Una valigia ricca di sogni che tornerò a riempire e condividere. Promesso!”

Libri

» L’arte di essere fragili, di Alessandro D’Avenia

davenia

Ci sono libri che ti chiamano a sé e che rappresentano un valido rifugio dove rintanarti, una mano amica pronta ad alleviare le sofferenze, i dolori, e a farti aprire gli occhi, regalando al tuo cuore tenere emozioni e una sorta di slancio, di incoraggiamento ad osservare la vita con sguardo diverso.
A inizio anno non stavo bene. Ho deciso di seguire le emozioni negative, buttandomi su una lettura bellissima quanto densa di sofferenza, almeno per me. Perché nelle parole di Sylvia Plath, e nei suoi diari, io mi sono così ritrovata, da cadere in una sorta di limbo dal quale non riuscivo ad uscire.
Ve ne avrei voluto parlare nel blog, ma… non riesco a riprendere quel libro tra le mie mani. È la prima volta che segno così tante frasi. La prima volta che sento mie tante sue parole, sofferenze, paure. Tanti pensieri. La Plath non ha avuto una vita facile. Né una morte felice. Ed io mi sono sentita così in sintonia con lei, da sprofondare in un momento di vera angoscia. Forse perché entro in forte empatia con quello che leggo, il che non sempre è un bene.

Comunque questa premessa è solo per dire che poi ho deciso di affidarmi alle parole di D’Avenia e alle sue lettere al mio caro Leopardi.
Molti di voi potranno dire: Leopardi? Il poeta della tristezza e della depressione? Bel modo per tirarti su!

Ma io l’ho sempre amato. E D’Avenia te lo fa conoscere meglio, ti mostra una visione diversa di questo povero poeta così bistrattato. Leopardi in realtà amava la vita. Giacomo e Alessandro sono riusciti ad aiutarmi a uscire da quel periodo complicato, facendomi riscoprire ciò che più amo: l’arte delle piccole cose e che non importa quanto tu sia fragile. Da quelle paure e insicurezze, puoi trovare una luce, delle ali per svoltare la tua vita e vederla densa di nuovi colori. Perché è proprio dietro quella fragilità che si nasconde, in realtà, una grande forza.

Continue reading “» L’arte di essere fragili, di Alessandro D’Avenia”

Libri

» Il valzer degli alberi e del cielo, di Jean-Michel Guenassia

Recensione (4)

Amare l’arte significa anche ricercarla nei romanzi. Quando mi è stato proposto un libro sugli ultimi giorni della vita di Van Gogh, ho subito avanzato la mia voglia di leggerlo e lasciare la mia più onesta opinione.
L’ho concluso proprio ieri, e oggi ve ne parlerò!

Intanto ringrazio la casa editrice Salani, per avermi concesso questa opportunità!

 

 

Vincent non era disposto a lasciarsi amare. Mi amava a modo suo, e io non lo capivo e non lo accettavo. Avrei voluto che mi amasse più della pittura, e questo era impensabile. Non poteva sacrificare la pittura per me; era semplicemente inconcepibile. Nella sua vita non c’era posto per una donna e la pittura. Si è sforzato ma, di fronte a un campo di grano, un tetto di paglia o un pagliaio, io non contavo niente.

Nella mia memoria ho serbato soltanto i momenti allegri, Vincent non era triste o arcigno, era come un bambino che scopre il mondo, avevamo milioni di cose da dirci. Ma lui sapeva che il nostro tempo era contato. Io no. Lui sapeva, d’istinto, molto prima che io l’ammettessi, che siamo soli sulla Terra e che contro questo non possiamo far nulla. Soli di fronte a noi stessi. Soli in mezzo agli altri. Qualunque cosa ci si possa inventare per far credere il contrario.

E Vincent è riuscito a dipingere proprio la bellezza di questa profonda solitudine.

Ho voluto esordire con questo brano perché è quello che mi è rimasto più impresso.
Vincent è riuscito a dipingere proprio la bellezza di questa profonda solitudine.
È una frase che mi ha molto colpita. E non mi sento poi così distante da questo pensiero. Certo, nella vita i rapporti sono molto importanti, ma molto spesso nelle scelte da prendere e in molte occasioni ti ritrovi a scontrarti con te stesso. Sei tu di fronte al mondo o, ancor peggio, a te stesso.

Continue reading “» Il valzer degli alberi e del cielo, di Jean-Michel Guenassia”

Libri

» L’amore bugiardo di Gillian Flynn

Recensione (3)

PRIMO INDIZIO:

Di un thriller presto io vado a parlare,
perché non posso ancora una volta rimandare.
Una storia d’amore e tradimento,
ma anche di scomparse e tormento.
Chi è il vero bugiardo o pazzo dovrai scoprire,
e tramite i tanti indizi la storia intuire.

Nick o Amy chi è il vero bugiardo?

Mi sono divertita a buttare giù una sorta di indizio, elementi chiave del thriller psicologico del quale vi vado, finalmente, a parlare!
L’ho concluso diversi mesi fa, ma l’ho veramente amato.
Non sono una vera fan del genere, ma se ben scritto e se riesce a stupirmi con trovate che non ti aspetti, a volte non mi dispiace buttarmi in letture simili.

In verità, questo è uno di quei casi in cui ho visto prima il film e quindi già sapevo tutto, ma si sa, i libri donano sempre quel qualcosa in più. Anche se, tirando le somme, io li ho trovati piuttosto in linea l’uno con l’altro. E ho adorato ancora di più soprattutto l’interpretazione della bella e bravissima, Rosamund Pike nel ruolo di Amy.

Continue reading “» L’amore bugiardo di Gillian Flynn”

Riflessioni

» L’amore per la lettura.

17798962_779319402218592_2789938055265670209_n

 

«Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?»

{Il buio oltre la siepe • Harper Lee}

Mentirei se dicessi che ho sempre amato leggere. Da piccina leggevo fiabe e favole e poco altro. Però ricordo l’emozione della lettura di gruppo, alle elementari, e la possibilità di provare a scrivere un continuo… forse è stata la prima volta in cui ho davvero provato a scrivere storie. Ho ripreso qualche anno fa, lasciando andare la mia fantasia e spesso stupendomi di me stessa, ma forse di questo parlerò in un altro momento.

Continue reading “» L’amore per la lettura.”

Libri

» Letture forti, ma consigliate #2: “Io non mi chiamo Miriam” di Majgull Axelsson

Recensione (2)

Torno a parlare di un libro con una tematica forte.
Una lettura conclusa qualche mese fa, ma di cui ancora non ho avuto la possibilità di parlare.
Un libro che ha subito attirato la mia attenzione e che consiglio a tutti di leggere.
Perché? Perché è originale, ben scritto, e nonostante parli di campi di concentramento, di una delle pagine più tristi della storia umana, riesce a entrare nel cuore, grazie a uno stile tale che ti trascina nella storia di una donna che per tutta la vita ha dovuto lottare per sopravvivere anche a costo di dover nascondere la sua vera identità, di appropriarsi del nome e della vita di un’altra, per poter andare avanti. 

“Io non mi chiamo Miriam” è un’opera di Majgull Axelsson, pubblicata pochi mesi fa dalla casa editrice Iperborea. Narra la storia di Miriam, un’anziana signora svedese che il giorno del suo ottantacinquesimo compleanno, dopo aver ricevuto come regalo un bracciale d’argento, un pezzo di artigianato zingaro, rivela una frase che turba i suoi famigliari: “Io non mi chiamo Miriam”, appunto.

Continue reading “» Letture forti, ma consigliate #2: “Io non mi chiamo Miriam” di Majgull Axelsson”