Arte, Film, Fotografia, Le Mie Marche, Libri, Musica, Riflessioni, Teatro, Una Marchigiana a Torino, Viaggi

» Arrivederci 2018, ciao 2019

Happy liberation day!

 

Tempo di bilanci, di ricordi e di nuovi propositi.
E così, finalmente, trovo il tempo di tornare sul blog.
Quest’anno ho deciso di dedicare tutto il mio tempo agli affetti, per questo non ho scritto nulla prima.
Vivere lontana dalla mia famiglia mi ha fatto comprendere ancor di più quello che almeno per me è il vero senso del Natale: passare del tempo con i propri cari, donarne il più possibile, perché la vita scorre in fretta e le occasioni diventano sempre più poche, soprattutto ora che la distanza ci separa.
E nonostante un po’ di – solito – nervosismo a casa, ho trascorso dei bei giorni di festa. È stato bello tornare, nonostante la stanchezza – e l’ansia! – per il lungo viaggio da sola (quasi 10 ore di treno, con tre cambi). Ho rivisto i miei genitori, le mie sorelle, nonni, zii, cugini, e la mia amatissima nipotina. Ho ricevuto di nuovo l’affetto e le fusa delle mie gatte, che mi erano mancate tantissimo – vivere senza queste creature è davvero dura, ma spero che nel futuro io possa avere la possibilità di averne un altro -.

Mi sono innamorata di nuovo dei paesaggi Marchigiani, ho osservato ogni istante del mio ultimo tramonto – almeno del 2018! – giù, e mi sono emozionata fino alle lacrime. Il cielo si è trasformato in un bellissimo dipinto, come se un pittore iniziasse a gettar colori sulla tela, sfumando, e regalando tantissime emozioni. Dall’azzurro è passato al rosa, e poi a un rosso acceso, come un fuoco nel cielo. È stato magico, ma la magia è stata accompagnata anche da un po’ di malinconia. È dura stare lontana da un luogo che amo così tanto, e in cui ho vissuto per più di 30 anni. Però nella vita si fanno delle scelte, e se qualcosa mi ha donato questo anno ormai andato, è sicuramente quella voglia di iniziare a vivere e smetterla finalmente di sopravvivere.

Sono tornata a Torino da pochi giorni, e ho trascorso un Capodanno speciale accanto al mio compagno. Quei momenti in cui non occorre fare grandi cose, ma assaporare la bellezza delle piccole cose che però diventano grandi se fatte insieme. Abbiamo preparato una bella cena, insieme. E l’abbiamo assaporata a lume di candela. Uno di quei piccoli sogni nascosti nel mio cuore, che è diventato reale, grazie a lui. Per una volta non mi è importato restare a casa, anzi, volevo farlo. Perché almeno quest’anno volevo stare sola con la persona che amo. Senza altre ansie. Senza il pericolo di rovinarmi tutto.
Ed è stato bello. Bellissimo.
Sono felice accanto a lui.

Ma ora voglio ripercorrere con chi avrà voglia di leggermi – preparatevi al papiro! – questo lungo anno, che mi ha donato tanto, e a cui potrei donare una parola o forse due: Cambiamento e Coraggio.

 

Continue reading “» Arrivederci 2018, ciao 2019”

Annunci
Fotografia, Viaggi

» Tra le luci di… Roma!

 

Roma-0090

 

“Io mi ricorderò di te, tra le luci di Roma…”

 

 

Canta uno dei miei cantautori preferiti. Certo, lui però parlava di una storia finita, io, invece, tra quelle luci ho fatto un passo avanti in una relazione che mi sta donando davvero tanto.

Voi cosa ne pensate delle storie d’amore a distanza?
Io ci ho provato una volta, poi ho detto il famoso “MAI PIU'” e ora… ne sto vivendo un’altra. Sono coerente, vero?
Ve lo dico con tutta sincerità (in realtà lo sto ripetendo in questo blog, lo so), non dite “MAI” nella vostra vita, che non sempre quel mai resta immobile, soprattutto se finite per scontrarvi con l’amore. Quel sentimento che arriva all’improvviso, quando meno te lo aspetti, spesso per la persona a cui non pensavi, e ti abbatte tutti i muri.
Che cosa ne penso io?
Che non è per niente facile. Perché i giorni passati insieme sono splendidi. Stai così bene che non vorresti mai separarti. Poi torni a casa, e ci sono giornate cupe in cui vorresti mollare tutto, perché la persona che ami non è lì con te e tu non sei con lui. E vorresti un abbraccio, uno di quelli che scacciano via tutte le paure e le incertezze. E ti chiedi se sei veramente pronta ad affrontare di nuovo certi momenti. Se poi siete persone insicure, con un passato amoroso per nulla facile, le paure si moltiplicano.

Però. Ebbene sì, c’è un però. Anche qui conta molto l’altro. Se quella persona riesce a tranquillizzarti, a infonderti sicurezze anche a distanza, se è pronta a non nasconderti un bel nulla, a parlarti il più possibile, allora… può tornare il sereno. E sì, le difficoltà restano sempre, ma… è anche una prova. Una prova per capire la solidità dei tuoi sentimenti e per… migliorare. Sì.
È questo in realtà quello che voglio fare.

Ma in tutto ciò, cosa c’entra Roma?
Torniamo nella diritta via e veniamo al post!

Ho da recuperare un po’ di viaggi, pensieri, emozioni. Nella mia valigia sempre più ricca di sogni – realizzati – oggi vi parlo di ricordi preziosi e bellissimi: del mio ritorno nella Città Eterna, una delle città che amo di più al mondo. Roma, nonostante nel corso degli anni non sia più così curata, resta uno degli angoli più belli del nostro Paese. O forse potrei azzardare con un bel… del Mondo! Purtroppo, però, io il mondo l’ho visto poco… quindi non ho grandi termini di paragone. Ma Roma è Roma, insomma!

Tornare è stato magico. Camminare per le strade, tra quei monumenti ricchi di storia, di bellezza, è stato sì faticoso (tre giorni tuttiii a piedi!), ma non sapete la gioia che ho provato dentro. Soprattutto se al mio fianco c’era colui che ormai ha rubato il mio cuore.

Continue reading “» Tra le luci di… Roma!”

Libri, Riflessioni

» Anime di Luce, i miei racconti, pezzi di me

AnimediLuce_IlMioLibro

 

 

Ho sempre amato scrivere ma, come dice qualcuno, sono una fifona.
Lo sono sempre stata. Lotto da una vita contro me stessa: dovrei credere di più nelle mie capacità, dovrei smetterla di chiedermi cosa ne potranno pensare gli altri, e creare così pensieri esagerati che diventano emanazioni delle mie paure e mi impediscono di sognare e… tentare.

C’è stato un periodo della mia vita, in particolare, dove non avevo altre passioni da coltivare. Le persone amate erano lontane, e l’unica cosa che restava era quella pagina bianca da riempire con il frutto della mia fantasia. Anche un modo per esorcizzare le paure, il dolore.

E durante quei mesi ho iniziato a buttar giù storie e personaggi. A creare mondi. E mi faceva star bene.
Poi, all’improvviso, mi sono fermata. Sono arrivate altre passioni, come la fotografia e il Musical (in maniera più forte), nuove amicizie, nuove difficoltà e pensieri. Anche se ho sempre continuato a scrivere perlomeno i miei pensieri o recensioni varie su altri blog.

Qualche mese fa… la nostalgia si è fatta sentire. Ho ripreso quei racconti e li ho fatti leggere alla mia nipotina, la mia piccola e preziosa luce. Ho visto il suo sorriso, scorto il suo interesse. Quando mi ha detto di farne un libro, subito quell’idea si è insinuata nella mia mente.
Qualcuno che ha bussato alla porta del mio cuore ed è riuscito a passarci oltre, ha insistito tanto, mi ha spronato a smettere di essere fifona e buttarmi.

 

Be’, tutta questa premessa per dire che… mi sono buttata.

E questo è quello che è uscito fuori.

mde

Questo libricino qui è il frutto di tante giornate di rabbia e frustrazione per non riuscire a fare le cose per bene come dicevo io, ma anche di gioia. Perché non c’è niente di più bello che vedere una propria opera reale, tra le mie mani, vera e tangibile. Un piccolo sogno che ho trasformato da sola in realtà. Un piccolo regalo non solo per la mia nipotina e quella persona che ha creduto tanto in me, ma anche per me stessa. Perché potrò avere mille paure, potrò essere una fifona, potrò lagnarmi per giorni perché ci saranno delle imperfezioni – che vedo soprattutto io con la mia mania di essere perfettina – ma è tutto frutto del mio impegno, del mio cuore, del mio lavoro.

Di una ragazza che non è grafica, ma ha lo stesso modificato quella immagine e creato quella copertina che mi piace sempre di più nella sua semplicità.
Di una ragazza che non è scrittrice, ma ha voluto comunque buttarsi in questo progetto non affidandosi a nessuno, ma facendo leva solo sulle sue capacità. Anche se questo può comportare errori.

E quindi ve lo affido. A voi lettori che vorrete leggerlo, e sprofondare nei cinque racconti che parlano di luce e di ombre, di errori e paure, di speranza e amore e forse racchiudono messaggi che dovrei imprimere con forza nella mia mente e nel mio cuore, perché in ogni pagina c’è un po’ di me. E chissà, magari anche un po’ di voi.

Chi non ha mai incontrato il buio nella propria vita? Ma poi… dopo tanta oscurità, torna sempre la luce. Basta crederci, basta non smettere mai di sperare e di sognare.

Anime di Luce raccoglie al suo interno cinque racconti. Personaggi diversi, storie e mondi differenti, ma tutti uniti da un messaggio di speranza che spero possa arrivare anche a voi.

 

A tutti i bambini, ma anche a quegli adulti che non perdono mai la bellezza dei sogni.

 

 

Continue reading “» Anime di Luce, i miei racconti, pezzi di me”

Teatro

» Next To Normal, uno spettacolo da vedere e rivedere.

Prima di parlarvi di un nuovo argomento che ho molto a cuore vi lascio il link della prima newsletter che avevo scritto come prova, ma inviata troppo presto. Devo ancora comprendere bene i meccanismi, ma… se vi va di leggerla, e se poi vi piace e vi va di iscrivervi, vi aspetto!

Newsletter di Ottobre

 

 


 

Una vita ch’è normale è troppo in là per me,
ma quasi un po’ normale sarebbe okay.
Già, quasi un po’ normale, questo è ciò che proverei.
Quasi un po’ normale… la vorrei. 

 

 

 

Parlando di musical

 

 

 

Quando scopro qualcosa che pian piano si radica nel mio cuore, quando scorgo la bellezza nell’arte, mi capita spesso di “tormentare” tutto il mondo affinché tutti possano goderne, scoprire, e innamorarsi.
Ho condiviso questo spettacolo un po’ ovunque sui miei social, ma voglio scrivere qualcosa anche qui. Vorrei aiutare, almeno nel mio piccolo, a far conoscere una vera perla del “Musical”, anche se questo forse non è il termine migliore per definirlo: Next To Normal.

Fino a domenica pomeriggio quest’opera meravigliosa vi attende presso il Teatro della Luna di Assago (MI) e su Ticketone potete trovare i biglietti.
Se potete, veramente, non perdete quest’occasione.

 

Continue reading “» Next To Normal, uno spettacolo da vedere e rivedere.”

Fotografia

» La mia esperienza più che positiva con Lalalab

Il pacco con cui sono arrivate le mie foto!

 

 

I ricordi sono preziosi.
Proprio per questo, oltre a conservarli nel cuore e nella mente, mi piace scattare foto, avere qualcosa di materiale da guardare nei momenti in cui la nostalgia ti assale.

Sono una di quelle persone che ama, a volte, fare un tuffo nel passato. Quante volte cercando di sistemare un cassetto mi sono ritrovata ad accedere a un mondo fatto di emozioni, parole, foto e pensieri? Quanti sospiri, quanti sorrisi, e spesso lacrime per qualcosa che è passata e non potrà più tornare, ma che può anche averti dato tanto, insegnato molto. Ricordi importanti che non vanno mai dimenticati.

 

 

 

Artisti di Musical.

 

 

Negli ultimi tempi c’è stato un grande ritorno alla polaroid, il cui fascino ha sempre colpito anche me. Non avendo però questo tipo di macchinetta fotografica, ho cercato un sito che mi potesse permettere di stampare foto in questo formato un po’ vintage, che colpisce e incanta.
Avevo voglia di far un regalo alla mia nipotina, permettendole di avere tra le mani le foto fatte con un gruppo della mia città di cui ho parlato tanto e che adoro (La Rua), ma anche realizzare qualcosa per me. Nel corso di questi anni, infatti, ho avuto la possibilità di incontrare, conoscere e poter conservare un ricordo con molti artisti del mondo teatrale (in modo particolare del musical), ma anche musicale. E perché no, anche foto più personali, legate alle persone a me più care. Più importanti.

 

 

Amici, sorelle, nipotina preziosa!

 

Ed è così che ho trovato Lalalab, un sito davvero carino che ti permette di far stampare le tue foto in vari formati e grandezze. In verità puoi farlo anche comodamente dal tuo cellulare tramite l’app apposita.

Personalmente ho voluto provare a stampare i miei ricordi con il formato “vintage” e sono totalmente soddisfatta del prodotto che proprio oggi è arrivato a casa!
Puntuali, rapidi, e molto chiari. Accedendo al sito potete fare la vostra scelta tra foto vintage, stampe normali, photo book, calendari, ma anche magneti, quadri e molto altro ancora! Inoltre al mio primo acquisto ho potuto usufruire di un codice sconto che mi ha permesso di risparmiare un poco e me ne hanno donato uno da condividere con i miei amici.

 

 

La musica che mi piace.

 

 

Ho deciso di condividerlo anche qui, con tutti voi. Se vi ho convinti, il sito vi ispira, e volete far stampare le vostre foto nei modi più diversi, potete inserire il mio codice sconto al momento dell’acquisto:

PGQ2D0XF

 

 

 

 

Voi lo conoscete già?
Che ne pensate?

Buon inizio autunno!

(anche se personalmente non è una stagione che amo, pur essendo nata ad Ottobre)

 

 

 

 

 

 

Fotografia

» “Immagine in Movimento” la prima mostra a cui ho partecipato: le mie emozioni.

attestato

Le belle esperienze ti regalano tanto, ma finiscono anche troppo presto.
In questi ultimi mesi sono stata presa da una passione forte che, come sono solita ripetere, mi ha un po’ tirata fuori da un periodo difficile, spingendomi anche a mettermi un po’ in gioco. Questa passione è la fotografia.

Non mi reputo una fotografa né un’artista, ma ho sempre amato fermare l’istante con una foto. Anche se la passione è cresciuta particolarmente negli ultimi anni, periodo in cui ho deciso di comprare una reflex e tentare di fare foto più “professionali” o quanto meno di capirne di più. Non ho mai fatto corsi, questo è il primo. Ho sempre cercato di capire da sola, attraverso libri e il web, e la pratica. Scattare, provare, rimediare. Quindi, quello che sono riuscita ad ottenere, è stato importante per me… un piccolo motivo di orgoglio, anche se la strada per comprendere al meglio i meccanismi giusti per fare foto migliori è ancora lunga. Però, credo anche che lo scopo principale delle fotografia sia comunicare qualcosa, dare emozioni. Ed è quello che cerco di fare ogni volta…

Continue reading “» “Immagine in Movimento” la prima mostra a cui ho partecipato: le mie emozioni.”

Fotografia, Musica

» Dardust: la musica che nutre l’anima.

parliamo-di

 


 

 

Oggi voglio iniziare da un video, uscito proprio oggi (o meglio, ieri in anteprima per La Stampa).
Prima di iniziare a leggere questo articolo, vi invito a cliccare play, a chiudere gli occhi e lasciarvi trasportare dalla musica di Dardust. Una musica priva di parole, che però racchiude profondi significati, che arriva leggera a sfiorare con tocco delicato la nostra anima.
Poi, se volete, tornate qui e ditemi cosa avete provato.

Io ho sentito un’emozione molto intensa. Così forte, da avvertire gli occhi pieni di lacrime. Come se quelle note, i suoni del pianoforte e degli archi, avessero smosso qualcosa in me, superando le barriere, infiltrandosi in piccoli spiragli e inondando la mia anima di luce.
Troppo poetica?
Sì, forse. Ma la Musica di Dardust è talmente meravigliosa, che va ascoltata e vissuta.

Continue reading “» Dardust: la musica che nutre l’anima.”