Libri

» La fine della solitudine, di Benedict Wells

La solitudine in noi si può combattere solo insieme.

 

 

Recensione (5)

 

 

Tornare a scrivere di libri non è facile. Soprattutto se si tratta di letture concluse diverso tempo fa, ma di cui non ho avuto modo di parlare sul blog. In verità avrei voluto fare una sorta di unico post riassuntivo, ma questo libro mi è stato inviato dalla casa editrice Salani e mi sembra doveroso spendere delle parole in più e creare un articolo apposito.
Innanzitutto ringrazio ancora una volta per avermi dato la possibilità di leggerlo, e mi scuso se ci ho messo più del previsto per stendere i miei pensieri a riguardo.

Il libro di cui vi parlo, come si deduce dal titolo del post, è “La fine della solitudine” di Benedict Wells, un giovane autore tedesco che con quest’opera si è aggiudicato il prestigioso Premio Europeo per la Letteratura nel 2016 e pero oltre un anno si è imposto al vertice delle classifiche tedesche.

Io l’ho trovata una bella lettura. Commuove, coinvolge, emoziona e fa riflettere. Perché quella affrontata in questo libro può essere la storia di tutti. Una storia di vita. E molte frasi le ho sentite mie, affini ai miei pensieri, alla mia anima.

Continue reading “» La fine della solitudine, di Benedict Wells”

Annunci
Libri

» L’amore bugiardo di Gillian Flynn

Recensione (3)

PRIMO INDIZIO:

Di un thriller presto io vado a parlare,
perché non posso ancora una volta rimandare.
Una storia d’amore e tradimento,
ma anche di scomparse e tormento.
Chi è il vero bugiardo o pazzo dovrai scoprire,
e tramite i tanti indizi la storia intuire.

Nick o Amy chi è il vero bugiardo?

Mi sono divertita a buttare giù una sorta di indizio, elementi chiave del thriller psicologico del quale vi vado, finalmente, a parlare!
L’ho concluso diversi mesi fa, ma l’ho veramente amato.
Non sono una vera fan del genere, ma se ben scritto e se riesce a stupirmi con trovate che non ti aspetti, a volte non mi dispiace buttarmi in letture simili.

In verità, questo è uno di quei casi in cui ho visto prima il film e quindi già sapevo tutto, ma si sa, i libri donano sempre quel qualcosa in più. Anche se, tirando le somme, io li ho trovati piuttosto in linea l’uno con l’altro. E ho adorato ancora di più soprattutto l’interpretazione della bella e bravissima, Rosamund Pike nel ruolo di Amy.

Continue reading “» L’amore bugiardo di Gillian Flynn”

Libri

» Letture forti, ma consigliate #2: “Io non mi chiamo Miriam” di Majgull Axelsson

Recensione (2)

Torno a parlare di un libro con una tematica forte.
Una lettura conclusa qualche mese fa, ma di cui ancora non ho avuto la possibilità di parlare.
Un libro che ha subito attirato la mia attenzione e che consiglio a tutti di leggere.
Perché? Perché è originale, ben scritto, e nonostante parli di campi di concentramento, di una delle pagine più tristi della storia umana, riesce a entrare nel cuore, grazie a uno stile tale che ti trascina nella storia di una donna che per tutta la vita ha dovuto lottare per sopravvivere anche a costo di dover nascondere la sua vera identità, di appropriarsi del nome e della vita di un’altra, per poter andare avanti. 

“Io non mi chiamo Miriam” è un’opera di Majgull Axelsson, pubblicata pochi mesi fa dalla casa editrice Iperborea. Narra la storia di Miriam, un’anziana signora svedese che il giorno del suo ottantacinquesimo compleanno, dopo aver ricevuto come regalo un bracciale d’argento, un pezzo di artigianato zingaro, rivela una frase che turba i suoi famigliari: “Io non mi chiamo Miriam”, appunto.

Continue reading “» Letture forti, ma consigliate #2: “Io non mi chiamo Miriam” di Majgull Axelsson”

Libri

» Letture forti, ma consigliate #1: “Il bambino con il pigiama a righe”.

recensione-1

Ci sono letture che risultano così forti da non essere affrontate da tutti. In molti, quando si parla di Olocausto o argomenti simili, preferiscono allontanarsi, dedicandosi ad altre letture forse più leggere, almeno dal punto di vista delle emozioni.
Io, invece, adoro conoscere, informarmi, o anche affrontare romanzi che cercano di far aprire gli occhi, attraverso diversi punti di vista, su quella che è la Storia, sull’orrore che è capace di commettere l’essere umano, ma… rivelando anche altro. Altri rapporti, altre sensazioni, altri problemi che non hanno smesso di esistere. Che sono attuali.

Ho sempre letto e guardato molto sull’Olocausto, e anche quest’anno, in occasione della Giornata della memoria, ho deciso di buttarmi su due letture e la scelta è ricaduta su “Il bambino con il pigiama a righe” di John Boyne, pubblicato da BUR, (di cui ho visto il film), e un libro di più recente uscita che mi ha subito colpita molto: “Io non mi chiamo Miriam” di Majgull Axelsson, edito Iperborea.

Si tratta di due storie diverse, con protagonisti differenti, ma che mi hanno coinvolto profondamente. Due storie non facili da affrontare, ma che a mio parere meritano di entrare nel proprio “bagaglio culturale” e di cui voglio parlarvi. Oggi vi parlerò del primo, ma prossimamente arriveranno i miei pensieri anche sulla storia di Miriam!

Continue reading “» Letture forti, ma consigliate #1: “Il bambino con il pigiama a righe”.”

Libri

“Molly, la gatta che sapeva amare”, di Melissa Daley.

recensione

Sono tornata!

Squillino le trombe!

Scherzi a parte, finalmente si sono messi a lavoro e hanno ripristinato telefono e connessione (dopo esattamente un mese e tre giorni) e così eccomi di nuovo qui, nel mio amato blog, a parlare con voi, a trasmettere un po’ di quella bellezza che può arricchire la vita.

Avendo degli arretrati soprattutto con le mie ultime letture, voglio iniziare proprio dai libri! Vi va di viaggiare con me?

Con calma risponderò anche ai vostri commenti, li ho letti e mi hanno fatto piacere. Grazie per condividere con me i vostri pensieri!

Allietata dall’incantevole colonna sonora di “La La Land”, film meraviglioso che ho visto al cinema qualche settimana fa (e che vi invito a recuperare se non lo avete già ammirato!), vorrei condividere i miei pensieri su una lettura molto molto dolce, che ha come protagonista una gatta! Ebbene sì!

Come ormai avrete capito, se mi seguite almeno un po’ sui vari social, ho un amore speciale e totale per i gatti. Li ritengo creature magiche, di una bellezza unica e misteriosa. Anche se spesso non rispondono ai nostri ordini o richiami come i cani, sono convinta che siano capaci di donarti un amore unico… Proprio come Molly, la tenerissima protagonista e narratrice del libro di cui vi andrò a parlare.

Continue reading ““Molly, la gatta che sapeva amare”, di Melissa Daley.”

Libri

» Gilgi, una di noi • Irmgard Keun

Giorni di neve che viene e va.
Giorni di freddo, ma di un’insolita magia.
Le mani si fanno gelate, e la voglia di uscire lascia il posto a quella di restare comodi, sotto coperte ben calde e vicini al calore di un camino, magari in compagnia di un bel libro e di un tazza di qualche buon té o cioccolata.

Qualche settimana fa ho concluso una nuova lettura di cui avrei voluto parlare prima, ma si sa, ogni volta che la sottoscritta si organizza, salta tutto. Spero di riuscire ancora a poter parlare con cura di questo libro.

Oggi ho voglia di farvi conoscere la piccola Gilgi, una ragazza normale, che è un po’ simile a tutti noi, o forse no. C’è chi si riconosce in lei in un primo momento, chi in seguito, ma appare come una sorta di vita ordinaria, fatta di lavoro e  divertimento, in cui accadono cose che stravolgono un po’ i progetti e voleri originari.
Il libro di cui vi parlo, per cui voglio esprimere i miei pensieri è: Gilgi, una di noi, di Irmgard Keun, edito da L’Orma Editore.

Continue reading “» Gilgi, una di noi • Irmgard Keun”

Libri

» Amiche di Penna, di Marosella Di Francia e Daniela Mastrocinque

Buon 2017 a tutti!
Allora, come avete iniziato questo nuovo anno? Concerto in piazza, cenone e ballo, o semplicemente a casa, al caldo e al tepore degli affetti?
Io quest’anno sono riuscita finalmente a fare di nuovo un capodanno come piace a me: pur dovendo affrontare il freddo – che io non sopporto! – mi sono buttata in piazza, più precisamente a San Benedetto del Tronto per andare ad assistere al concerto dei La Rua. Lo so, ne parlo anche troppo in questo blog, ma quando un gruppo, degli artisti, sono capaci di donarti tanto, ti aggrappi con forza alla loro musica, ai loro sorrisi, alla loro follia, energia, passione, per ritrovare il sorriso che purtroppo troppo spesso svanisce.
Ho passato una bella serata/nottata con una delle mie amiche più care, e con la loro musica. Posso solo dire loro grazie. Un grazie immenso.
Se poi un solo “Ciao Marta” scalda così tanto il cuore…

Tuttavia questo nuovo anno ancora fa fatica a iniziare bene per me. Mi sono posta l’obiettivo di non programmare troppo – visto gli ultimi eventi, che mi hanno portata a vedere svanire tutti i miei progetti – ma a vivere il momento, con un pizzico di avventura e speranze. Però non so trovare ancora felicità. Nè quella spinta giusta per prendere la vita e renderla un capolavoro. Mi manca il coraggio di fare, la voglia, dovrei eliminare la pigrizia e la tristezza, l’insicurezza e la rabbia, e far qualcosa di buono… per me…

Comunque, iniziamo il nuovo anno con una nuova recensione, o meglio, come dico sempre, una semplice chiacchierata, espressione dei miei pensieri sui libri letti.

Continue reading “» Amiche di Penna, di Marosella Di Francia e Daniela Mastrocinque”